Current Call for Papers

Thaumazein, Vol. 11, Issue 2, 2023

Il kairos e le arti / Kairos in ancient arts and techniques
edited by / a cura di Giada Capasso and Alessandro Stavru
scadenza/deadline: April 30, 2023 (title & abstract: October 1, 2022)

Thaumazein, Vol. 11, Issue 1, 2023

The Real and the Known / The Real and the Known (Italian version)
edited by / a cura di Silvia De Bianchi and Lorenzo Giovannetti
scadenza/deadline: October 31, 2022

Il kairos e le arti

Scadenze:

1 ottobre 2022 (titolo e abstract)
30 aprile 2023 (testo)

Vol. 11, Issue 2, 2023 [https://www.thaumazein.it/]

a cura di Giada Capasso & Alessandro Stavru

La rivista internazionale Thaumàzein dedica un numero speciale al rapporto tra il kairos e le arti nell’antichità greco-romana.

È noto che il concetto di kairos ricopre una moltitudine di significati: da “tempo critico” a “momento opportuno o decisivo”, fino a “comportamento adeguato” o “azione indovinata”. Questi significati descrivono non soltanto le caratteristiche temporali e circostanziali che connotano il kairos, ma anche, e soprattutto, l’azione necessaria per afferrare un’opportunità favorevole che si presenta a un dato momento. Senza tale azione, e la capacità di eseguirla in modo efficace, il kairos non determina alcun vantaggio, rimanendo così una potenzialità inespressa. D’altra parte, senza kairos nessuna azione può essere coronata da successo, poiché anche l’abilità più raffinata non è di per sé garanzia di buona riuscita. Nel mondo greco-romano, il kairos è quindi sempre connesso a specifiche abilità: in arti come la poesia, la retorica, la medicina, la divinazione e in una varietà di tecniche come quelle necessarie nell’agricoltura, nella guerra e nello sport il successo dipende molto spesso dalla capacità di afferrare il kairos che si offre in un dato momento.

Si invitano contributi sul ruolo del kairos nelle arti e nelle tecniche antiche. Gli articoli verteranno intorno alle molteplici modalità in cui il kairos funge da criterio operativo in una serie di ambiti del fare e dell’agire umano. Scopo del volume è comprendere in che modo le diverse accezioni di kairos si riflettono nelle metodologie che vengono comunemente applicate nelle arti e nelle tecniche antiche, e come un esame accurato di tali metodologie si presti a sua volta ad ampliare e ad approfondire la nostra conoscenza del kairos.  

Presentazione del titolo e di un breve abstract (massimo 1.500 caratteri, in inglese o in italiano): 1 ottobre 2022 ai curatori:
Giada Capasso (giadacapasso3@gmail.com)
Alessandro Stavru (alessandro.stavru@univr.it)

Presentazione del testo completo (45.000 caratteri max. spazi inclusi, in inglese, italiano, tedesco, francese o spagnolo): 30 aprile 2023 tramite piattaforma OJS: https://rivista.thaumazein.it/index.php/thaum/about/submissions.

Le norme editoriali per gli autori si trovano qui:
https://www.thaumazein.it/la-rivista/about-the-journal/formatting-guidelines/

La pubblicazione del volume è prevista per dicembre 2023.



Kairos in ancient arts and techniques

Submission deadlines:

October 1, 2022 (Title & Abstract)
April 30, 2023 (Text)

Vol. 11, Issue 2, 2023 [https://www.thaumazein.it/]

Edited by Giada Capasso & Alessandro Stavru

The international Journal Thaumàzein devotes a special issue to the relationship between kairos and the techniques in Graeco-Roman antiquity.

It is a well-known fact that the concept of kairos encompasses a wide variety of meanings, ranging from “due time”, “critical situation”, “appropriate or decisive moment”, to “correct behaviour” and “skilful action”. All of these meanings point not only to the temporal and circumstantial features that characterize kairos, but also, and more importantly, to the action that is required in order to seize a favorable opportunity in a given moment. Without such action, and the ability to perform it, the kairos does not yield any advantage, thus remaining unexploited. On the other hand, without kairos no action can be successful, as even the most refined ability is by itself no guarantee for a successful outcome. In the Graeco-Roman world, kairos is therefore always linked with specific skills: in arts such as poetry, rhetorics, medicine, divination and in a variety of techniques (such as those needed in farming, warfare and sports) the successful outcome depends on the ability to grasp the kairos that is within reach at a given moment.

We invite papers dealing with kairos in ancient arts and techniques. Papers should explore the multiple ways in which kairos provides a specific rationale for action in a wide variety of domains. The aim of the volume is to understand how the different meanings and nuances of kairos shed light on the methodologies of ancient arts and techniques, and how these very methodologies can in turn provide ways to expand our knowledge of kairos.  

Submission of title and short abstract (1.500 characters max., in English or Italian): October 1, 2022 to the editors:
Giada Capasso (giadacapasso3@gmail.com)
Alessandro Stavru (alessandro.stavru@univr.it)

Submission of full text (45.000 characters max. spaces included, in English, Italian, German, French or Spanish): April 30, 2023 through OJS platform:  https://rivista.thaumazein.it/index.php/thaum/about/submissions.

Please follow the formatting guidelines for authors:
https://www.thaumazein.it/la-rivista/about-the-journal/formatting-guidelines/

Scheduled publication of the volume: December 2023.



The Real and the Known.
Comparative Perspectives on Ancient and Modern Philosophy

Submission deadline:

October 31, 2022

Vol. 11, Issue 1, 2023 [https://www.thaumazein.it/]

Edited by

Silvia De Bianchi
(Università degli Studi di Milano / Universitat Autònoma de Barcelona)
&
Lorenzo Giovannetti
(Università di Roma Tor Vergata / Eberhard-Karls-Universität Tübingen)

***
Confirmed contributors:

Klaus Corcilius – Eberhard-Karls-Universität Tübingen
Fiona Leigh – University College London

***

The Real and the Known aims to host comparative studies on Ancient and Modern Philosophy to investigate the roots of the reflection upon knowledge, its meaning and purposes throughout history. In analyzing a variety of significantly distinct approaches, this special issue sheds light on the modification of the debate on the notion of knowledge and its full or partial capacity of grasping what is identified as “the real”. At some stages of its long history, the question concerning knowledge has met with crucial turning points and this special issue aims to identify those which can be found in ancient Greek and early modern philosophy.

The nature of knowledge is nowadays discussed with respect to the object-based / subject-based dichotomy. This means assuming two things when debating the nature of knowledge: (i) the extent to which some theories of knowledge rely on ontological views; (ii) the extent to which some theories of knowledge require the subject to work in some way which is partially or altogether independent of what there actually is. In relying on these two core ideas, the special issue will also shed new light on what kinds of textual reception and theoretical responses early modern philosophers had with ancient philosophy.

This will potentially produce at least two results: (i) a new way of understanding the influence of ancient philosophers on (early) modern ones; (ii) innovative insights into the relation between what is real and what is known.

The proposed volume aims to address the following issues, but also submissions that are not limited to them are welcome:

1) The view that in ancient philosophy one is faced only with object-dependent knowledge while the early modern tradition is exclusively concerned with subject-dependent knowledge is too simplistic and should be put into question. This means, among other things, highlighting the co-presence of, and possibly interrelations between, the two approaches. Some hybrid theories regarding the nature of knowledge should then be considered.

2) In deepening the analysis of the ontological and epistemological underpinning of the notion of reality from a comparative perspective, it is natural to address the question concerning the notion of fundamentality. What is the meaning of “fundamental” and what is considered to be fundamental in Antiquity and the early modern period? For instance, the meaning attributed to ontology is clearly different and this has an impact on the notion of what exists, and what is real. This in turn offers different perspectives on how to take what is fundamental either from an ontological or an epistemological standpoint or both.

Full articles will be subject to double-blind peer review. Articles must be submitted in English and should not exceed 40.000 characters (including spaces) or 8.000 words including references.
Please follow the formatting guidelines for authors:
https://www.thaumazein.it/la-rivista/about-the-journal/formatting-guidelines/
and submit the paper on the following page:
https://rivista.thaumazein.it/index.php/thaum/about/submissions

The special issue will be published in June 2023.

For questions, contact:
silvia.debianchi@unimi.it
lorenzo.giovannetti@uniroma2.it



The Real and the Known.
Comparative Perspectives on Ancient and Modern Philosophy

Scadenza invio contributi:

31 ottobre, 2022

Vol. 11, Issue 1, 2023 [https://www.thaumazein.it/]

a cura di

Silvia De Bianchi
(Università degli Studi di Milano / Universitat Autònoma de Barcelona)
&
Lorenzo Giovannetti
(Università di Roma Tor Vergata / Eberhard-Karls-Universität Tübingen)

***
Autori confermati:

Klaus Corcilius – Eberhard-Karls-Universität Tübingen
Fiona Leigh – University College London

***

Il volume The Real and the Known si propone di ospitare studi comparativi sulla Filosofia Antica e Moderna per indagare le radici della riflessione sulla conoscenza, il suo significato e le sue finalità nel corso della storia. Analizzando una pluralità di approcci significativamente differenti, questo numero speciale della rivista mette in luce come il dibattito sulla nozione di conoscenza e la sua piena o parziale capacità di cogliere ciò che viene identificato come “il reale” si sia modificato nel tempo. In alcune fasi della sua lunga storia, la questione della conoscenza ha incontrato svolte cruciali e il presente volume si propone di individuare quelle che si possono ritrovare nella filosofia greca antica e nella prima età moderna.

La natura della conoscenza viene oggi discussa mediante la dicotomia oggetto/soggetto. Ciò significa presupporre due assunti quando si discute in merito alla natura della conoscenza: (i) la misura in cui alcune teorie della conoscenza si basano su concezioni ontologiche; (ii) la misura in cui alcune teorie della conoscenza richiedono che il soggetto lavori in un dato modo quasi o del tutto indipendente da ciò che effettivamente esiste.

A partire da questi due assunti fondamentali, il numero speciale mira anche a gettare luce sui modi in cui i primi filosofi moderni hanno recepito i testi della filosofia antica e che tipo di risposta teoretica hanno avanzato. Ciò produrrà potenzialmente due risultati: (i) un nuovo modo di intendere l’influenza dei filosofi antichi su quelli moderni; (ii) fruttuose intuizioni nella relazione tra ciò che è reale e ciò che è conosciuto.

Il volume si propone di affrontare i seguenti temi, ma sono benvenuti anche contributi che non si limitino ad essi:

1) L’idea che nella filosofia antica ci si trovi di fronte solo alla conoscenza dipendente dall’oggetto mentre la prima tradizione moderna si occupa esclusivamente della conoscenza dipendente dal soggetto è troppo semplicistica e dovrebbe essere messa in discussione. Ciò significa, tra l’altro, evidenziare la compresenza ed eventualmente come si siano combinati i due approcci. Vanno poi prese in considerazione alcune teorie ibride sulla natura della conoscenza.

2) Nell’approfondire l’analisi del fondamento ontologico ed epistemologico della nozione di realtà da una prospettiva comparativa, è naturale affrontare la questione del carattere della nozione di fondamentalità. Cosa significava “fondamentale” e cosa era considerato tale nell’antichità e nella prima età moderna? Il significato attribuito all’ontologia è chiaramente diverso, e questo ha un impatto sulla nozione di ciò che esiste e di ciò che è reale. Questo a sua volta ha offerto diverse prospettive su come intendere ciò che è fondamentale da un punto di vista ontologico o epistemologico o da entrambi.

Gli articoli inviati saranno soggetti a revisione. Gli articoli devono essere scritti in inglese e non devono superare 40.000 battute (spazi inclusi) o 8.000 parole, riferimenti bibliografici compresi.
Le norme editoriali per gli autori si trovano qui:
https://www.thaumazein.it/la-rivista/about-the-journal/formatting-guidelines/
e l’articolo va consegnato sulla pagina seguente:
https://rivista.thaumazein.it/index.php/thaum/about/submissions

Il numero speciale sarà pubblicato nel giugno 2023.

Per informazioni, contattare:
silvia.debianchi@unimi.it
lorenzo.giovannetti@uniroma2.it